Area camper Riva del Garda

Indirizzo:Via Brione, Riva del Garda (TN)

Contatti:

Hai letto la legenda? Leggila subito!

Un'area camper comunale tra le più gettonate del Lago di Garda, soprattutto da stranieri.. Area camper Brione a Riva del Garda non è molto cambiata, anzi si. È video sorvegliata e c'è il bar, dove si chiedono i gettoni per le docce calde in ambiente riscaldato e i servizi igienici.

L'area sosta camper Brione di Riva del Garda si trova in Via Brione e dista meno di un chilometro circa dal centro cittadino ma comunque vicinissima ai primi negozi e attività commerciali e dalla passeggiata del lungo lago.

L'area sosta di medie dimensioni è regolamentata da parchimetro a moneta, la superficie è in piano e su fondo in erbablock, può ospitare una quarantina di autocaravan ed è poco ombreggiata, ha l'illuminazione notturna, l'accessibilità è ottima così pure il camper service funzionale con ottima accessibilità e fruibilità, lo stallo è completo di una fontanella dell'acqua potabile.

Comoda ed è posta in una zona tranquilla, vicinissima al lungo lago dove a pochi minuti a piedi si giunge nel centro animato della cittadina.

Tariffe: € 0.50 1/h - € 12,00 24/h - max 48/h - scarico e carico acque gratuito.
L'area sosta è aperta tutto l'anno, tempo di permanenza massima consentita 72 ore, i cani sono ammessi, primi negozi si trovano a poco meno di 150 metri.

Area sosta di Riva del Garda
Via Brione - 38066 Riva del Garda (TN)
Coordinate GPS: 45.879565,10.858915  /  45°52'46.4"N 10°51'32.1"E

Gestore: Altogarda Parcheggi e Mobilità APM SpA
Via Monte Oro, 5 - 38066 Riva del Garda (TN)
Tel. +39 0464.557675 - Fax +39 0464.562640
www.altogarda-parcheggi.it

Comune di Riva del Garda
Piazza III Novembre - 38066 Riva del Garda (TN)
Tel. +39 0464.573888 - Fax +39 0464.552410/573953
www.comune.rivadelgarda.tn.it

Ufficio Turistico
Largo Medaglie d’Oro al V.M., 5 - 38066 Riva del Garda (TN)
Tel: +39 0464.554444

www.visitgarda.com
www.gardatrentino.it

www.dolomitilagoraibike.it

www.ciclabili.provincia.tn.it
www.ippoviatrentinorientale.it
www.turismo.provincia.tn.it
www.provincia.tn.it
www.visittrentino.it
www.valdisole.net
www.stelviopark.it
www.campigliodolomiti.it
www.parcoadamellobrenta.tn.it

Riva del Garda (Reiff am Gartsee in tedesco) è un comune  della provincia di Trento. Fa parte del Comprensorio Alto Garda e Ledro. Riva del Garda (in Trentino chiamata per lo più semplicemente Riva) è situata nell'angolo nord-occidentale del Lago di Garda. Sul lato ovest si erge a picco il Monte Rocchetta (1575 m) mentre su lato est sorge il Monte Baldo (2218 m).

Storia di Riva del Garda

Le prime notizie certe vedono Riva (Ripa) aggregata in epoca romana al municipium di Brescia.
Del periodo pre-romano si hanno importanti ritrovamenti, ma non sappiamo con certezza come fosse la cittadina, né se la sua popolazione fosse retica o gallica.
Sono nominate le popolazioni dei Benacenses e dei Sabini, oltre ai Galli Cenomani.
Da non sottovalutare influssi etruschi, forse giunti in zona dalla pianura Padana proprio in seguito al calare di stirpi galliche (celtiche) attraverso le montagne lombarde.
Di epoca romana numerosi ritrovamenti, si sa che a Ripa esisteva un collegio nautico e che un certo Metellio, tribuno militare, fece costruire qualcosa (un castello?) nella parte più alta della cittadina, località detta in loco "Marocco" (sasso).

Importanti scavi presso il Monte S.Martino (o Luna), nei pressi della frazione di Campi, stanno mettendo in luce un villaggio-santuario fortificato di epoca preromana e romana, abbandonato successivamente (perché ormai posto "pagano?") anche se nei pressi per secoli funzionerà la chiesetta di S.Martino, assai venerato in epoca longobarda. Caduto l'Impero Romano, Riva passa di mano più volte seguendo dominazioni di Goti, Longobardi, Franchi... ma entra ben presto nella sfera d'influenza del Principe Vescovo di Trento, pur rimanendo in sostanza un libero comune (Statuti propri). Seguono periodi di dominazione Scaligera veronese, Viscontea, Veneziana, alternata a periodi di dominio del Principe vescovo di Trento.

Curioso rimase il tentativo veneziano, dopo numerosi quanto infruttuosi attacchi navali dal lago di Garda, di attaccare alla spalle Riva del Garda trasportando via terra (una alla volta) alcune navi che avevano risalito l'Adige (e messe in secca) lungo la valle di Loppio tramite scivoli di legno e rulli con la forza di 6.000 schiavi (rematori delle navi), mille coppie di buoi guidate da contadini dei dintorni costretti con la forza e circa mille soldati.

Ma quando ormai tre navi erano arrivate nel lago di Loppio (e poste in assetto di guerra) ed una quarta era molto vicina, la milizia trentina a guardia del passo di San Giovanni (all'estremità opposta del lago di Loppio) attaccò di notte con le zattere destinate a traghettare merci e persone sul lago le tre navi veneziane, riuscendo ad incendiarle, sicché ai veneziani non restò che far ritorno alle undici navi ancora nelle acque dell'Adige e rientrare scornati a Venezia, abbandonando una nave in secca vicino a Loppio ed una vicina all'Adige, dopo aver perso una battaglia navale contro un minuscolo contingente della milizia trentina che certo non era esperta di battaglie navli e che non aveva mai visto il mare.

Dei veneziani la costruzione del Bastione, edificato agli inizi del 1500 sopra una preesistente fortificazione medioevale, sul dosso detto dei Germandri.

Nei pressi, sopra il colle (castelliere preistorico) di S.Maria Maddalena, resiste al tempo l'antica omonima chiesetta, e il torrione (a sua volta utilizzato come chiesetta) di S.Giovanni in località Pinza, lungo la secolare strada che collegava Riva al Bresciano, via Campi/Trat/val di Ledro.
Nei pressi del valico di Trat (punta La Rocca) resistono i resti del piccolo castello costruito dai Rivani nel Medioevo proprio per controllare il passaggio. Nei suoi pressi (valle dei Morti) si svolse una furiosa battaglia tra Viscontei e Veneziani.

Dal secolo XVII Riva del Garda farà costantemente parte del Principato Vescovile di Trento, seguendo le sorti del Trentino dal dominio napoleonico a quello asburgico sino al'unione all'Italia nel 1918.

Monumenti artistici:
Notevole è la chiesa Dell'Inviolata, a pianta centrale, con l'interno decorato in stile barocco e che la tradizione vuole progettata da un architetto portoghese.
Diversi edifici quali, la centrale elettrica, l'hotel Sole, il complesso della Spiaggia degli Olivi, piazza San Rocco, l'asilo infantile sono opera dell'architetto rivano Giancarlo Maroni, noto come l'artefice del Vittoriale, dimora di Gabriele D'Annunzio a Gardone.

Monumenti storici:
I principali monumenti storici sono il palazzo Pretorio (1375), che sotto la loggia ospita lapidi romane, medioevali e moderne; la Rocca, fortezza sul lago del XII secolo circondata da canale con ponte levatoio; le porte nelle mura medioevali; la torre Apponale prospiciente il porto; il Bastione, fortezza veneziana costruita sulle pendici del Monte Rocchetta ad una altezza di circa 160 m.

Musei:
Il Museo Civico ha sede nella Rocca, che è pure luogo di frequenti attività culturali, specie nel periodo estivo.

Mete turistiche:
Di notevole interesse paesaggistico sono il Lago di Tenno (6 km a nord), il Lago di Ledro (5 km ad ovest) con il suo museo di paleoetnografia e le Cascate del Varone (3 km a nord) pure di grande interesse geologico. Molto bella la piccola frazione di Pregasina (km. 7 direzione val di Ledro) con spettacolare veduta sul lago di Garda.

Musica Riva Festival:
In venticinque anni di attività musicaRivafestival è la più importante manifestazione musicale che si svolge in riva al Garda trentino. Oggi sotto la direzione artistica del celebre soprano Mietta Sighele, musicaRivafestival, incontro internazionale di giovani musicisti, e il concorso lirico "Riccardo Zandonai", sono due rassegne prestigiose che richiamano ogni anno nella città del Benaco centinaia di giovani provenienti da tutto il mondo.

Concorso Internazionale per Giovani Cantanti Lirici - R. Zandonai:
Il concorso internazionale “R. Zandonai” rappresenta una grande risorsa culturale per il territorio, un evento di prestigio che riunisce annualmente a Riva del Garda alcuni dei migliori talenti emergenti nel panorama del canto lirico.
Giunta ormai alla XV edizione, l’iniziativa costituisce infatti un importante appuntamento per tanti giovani cantanti desiderosi di misurare le proprie potenzialità con colleghi provenienti da Paesi e scuole di canto differenti.
Il Concorso costituisce anche, per i partecipanti, una vetrina irrinunciabile, poiché, grazie alla collaborazione con l’Associazione Musica Riva, i vincitori del concorso hanno l’opportunità di mostrarsi a un vasto pubblico internazionale, partecipando a serate loro dedicate nell’ambito della programmazione del musicaRivafestival: il concorso ha dunque lo scopo di costituire un luogo d’incontro e di confronto delle nuove leve canore mondiali, un luogo in cui poter comprendere il messaggio più profondo che deriva dall'arte e in cui poter manifestare tale messaggio.

Concorso Corale Internazionale:
Il Concorso Corale Internazionale si svolge ogni due anni nella settimana antecedente la Pasqua, è organizzato dall'Associazione Concorso corale internazionale in collaborazione con Musica Mundi.
Alla manifestazione, a testimonianza della stabilità a livello internazionale che ha raggiunto l'evento, partecipano ogni anno una cinquantina di cori provenienti da tutto il mondo.
È un'occasione per confrontandosi sul piano qualitativo, per dimostrare le proprie capacità artistiche ma anche per iniziare un rapporto di scambio di esperienze e attività che costituirà certamente un elemento importantissimo per il futuro della propria crescita artistica e umana.
La commissione giudicatrice è formata da esperti - compositori e direttori - di fama mondiale. Il Concorso corale si divide in 4 categorie, cori a cappella con brani d'obbligo, a cappella senza brani d'obbligo, musica sacra e cori giovanili.

Garda Jazz Festival:
Il Garda Jazz Festival è una diretta emanazione dello storico Torbole Jazz, uno dei primi festival nati in Italia.
La collaborazione tra il Comune di Nago-Torbole e i Comuni di Arco, Drena e Riva del Garda ha portato nel 2000 ad un ampliamento del Festival nelle quattro località dando vita alla prima edizione del Garda Jazz Festival.
Il progetto si è sviluppato per merito della Scuola Musicale Civica di Riva del Garda – ArteMusica che ha gestito e gestisce tuttora il Festival, permettendo uno sviluppo, oltre che nelle dimensioni, anche in senso qualitativo.
Dalle tre giornate di concerti presenti nelle edizioni precedenti si è passati con il Garda Jazz Festival a tre settimane di eventi distribuiti in luoghi caratteristici della zona, fra Castelli e terrazze sul lago.
È ormai diventata tradizione la collaborazione con alcuni locali e pub per la realizzazione dei Jazz Café, appuntamenti con musicisti provenienti dal tutto il Nord Italia.
In questi anni il Festival, attraverso l'attività della Scuola Musicale Civica di Riva del Garda, si è occupato di formazione organizzando seminari con diversi artisti passati dal Festival.
La novità in questo senso è la nascita nel gennaio 2006 del laboratorio big band.

Si consigli agli utenti di mantenere un tono conforme alle regole del buon senso.