Camper Parking Visconteo - Valeggio sul Mincio

Indirizzo:Località Borghetto - Strada Provinciale 55 Viscontea., Valeggio sul Mincio (VR)

Contatti: www.camper-parking.it

Hai letto la legenda? Leggila subito!

Area di sosta attrezzata Camper Parking Visconteo è a Borghetto di Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, è riconosciuto come "I Borghi più belli d'Italia" si trova a 25 minuti in auto dalla splendida città dell'amore Verona con le sue numerose attrattive sia artistiche che culturali e a soli 10 minuti dal lago di Garda, raggiungibile comodamente anche con splendide piste ciclabili immerse nel verde, con le sue attrazioni come il parco di divertimenti Gardaland, i parchi naturalistici "Parco di Sigurtà" ed i campi da golf di Peschiera.

L'area di sosta a gestione privata è immersa nel verde in un paesaggio naturale di gran respiro e suggestione dove le acque del fiume Mincio indugiano silenziose tra anse e canneti vicino all'antico borgo medievale di Borghetto.

L'area Camper Parking Borghetto si estende su una superficie di 4500 mq e puo' ospitare comodamente 54 camper, splendidamente realizzata e mantenuta con molta cura, alla seconda visita si presentava in ordine e pulita, l'area sosta ai propri ospiti offre servizi efficenti e qualitativamente ottimi.
Tutta l'area è in piano su fondo in ghiaietto drenante, parzialmente ombreggiata da giovani piante è molto tranquilla e sicura; recintata e videosorvegliata con l'ingresso e l'uscita regolamentati da sbarre automatiche.

Fiore all'occhiello sono i suoi servizi di qualità, pensati e realizzati con razionale passione e con un pizzico di fantasia, ad esempio l'illuminazione notturna su tutta l'area; non ci sono i classici lampioni con la luce notturna invadente ma bensì dei faretti a filo terreno a led e addirittura all'ingresso sono anche di colore blu, le colonnine per gli allacciamenti elettrici a norma CEE (1,5 kw per uscita) e tutte segnalate con apposita numerazione per la tariffazione personalizzata.

I servizi igienici anche per disabili gratuiti per ambo i sessi e le docce fredde gratuite e calde a moneta (€ 1,00) con ben sei minuti di erogazione dell'acqua, un ampio parco i giochi attrezzato per i bambini nel prato verde e parzialmente ombreggiato, una zona pic-nic con quattro barbecue intelligentemente addossati posti centralmente nel verde del parcheggio, un locale lavanderia, i distributori automatici a moneta per le bevande calde e per gli snack.

Inoltre a breve verrà attivato la connessione internet wi-fi e il noleggio delle biciclette, invece su prenotazione è attivo il cambio delle bombole del gas/propano.

La zona dello stallo del camper service merita la lode, ottimo sia in manovra sia per la fruibilità, ha un ampia griglia carrabile autopulente a tutta larghezza in acciaio inox e poste di lato, le colonnine per il rifornimento dell'acqua potabile e la tramoggia sempre in acciaio inox per le cassette-wc, particolarità di questo servizio oltre all'altissima qualità dei materiali, è la presenza di un dissuasore posto centralmente all'ingresso dello stallo che si attiva e disattiva automaticamente una volta completato l'operazione di scarico e carico ed esservi usciti.

L'area di sosta "Borghetto" è aperta tutto l’anno, non ci sono limiti di permanenza e sono ammesse anche le caravan, gli animali sono i benvenuti ma tenuti al guinzaglio e nelle proprie piazzole.
Tariffe: Vedi sito web (Le prime 8 ore di sosta della giornata: € 1,00 all'ora).

Nelle vicinanze (usando la bicicletta) a circa un chilometro si possono trovare; bar, ristorante, supermercato ed una edicola, a due chilometri circa si trova la prima pizzeria, invece, Borghetto è distante solamente poche centinaia di metri.


Camper Parking Visconteo

Località Borghetto di Valeggio sul Mincio (VR)
Strada Provinciale 55 Viscontea - 37067 Valeggio sul Mincio (VR)    
Fax +039 045.7950486          
www.camper-parking.it
Coordinate GPS: 45.355399,10.720156  /  45°21'19.4"N 10°43'12.6"E

Storia di Valeggio sul Mincio
Nella valle del Mincio sono stati rinvenuti un importante insediamento dell'età del bronzo, alcune sepolture risalenti all'età del ferro e alcuni reperti databili alla civiltà etrusca.
Una grande necropoli celtica, ancora in parte sepolta sotto l'odierno abitato, attesterebbe la presenza di quella popolazione tra il IV secolo a.C. ed il I secolo d.C.
Nella necropoli sono stati scoperti anche reperti e monumenti marmorei di epoca romana, nonché tracce di raccordi viari colleganti il guado sul fiume con le strade consolari.

La nascita dei centri urbani di Valeggio e Borghetto è attribuibile al periodo longobardo, poiché gli stessi toponimi deriverebbero rispettivamente da luogo pianeggiante e da insediamento fortificato.

Tra la fine del X secolo e l'inizio del XI, il territorio valeggiano appartenne al Regno di Germania.
La pieve di San Pietro fu eretta in quel periodo.
Nel XII secolo sorse il monastero di Santa Maria sulle rive del Mincio, che diventerà precettoria dell'ordine dei Cavalieri templari.

Le grandi fortificazioni medievali che caratterizzano il paesaggio valeggiano, ovvero il Castello scaligero, il Ponte visconteo e la linea difensiva del Serraglio furono edificate fra il XIII secolo e il XIV secolo.
Nel 1405 Valeggio divenne parte della Repubblica di Venezia, perdendo nel tempo quel ruolo strategico di presidio militare di confine che aveva svolto nei secoli precedenti. Si trasformò in un fiorente centro agricolo e molitorio oltre che in un importante mercato dei bachi da seta.

Dopo la campagna d'Italia e la conseguente caduta della Repubblica di Venezia con il trattato di Campoformio, Valeggio entrò a far parte del Dipartimento del Benaco della Repubblica Cisalpina.

A seguito dell'ulteriore espansione dell'impero francese sotto Napoleone, negli anni successivi fece parte della Repubblica Italiana e quindi del nuovo Regno d'Italia.
Con la caduta di Napoleone, il Congresso di Vienna stabilì che Valeggio entrasse nel Regno Lombardo Veneto, dipendenza dell'Impero Austriaco.

Durante l'epoca risorgimentale Valeggio fu al centro delle battaglie della Prima, della Seconda e della terza guerra di indipendenza che portarono alla creazione del Regno d'Italia.

Chiese:
Chiesa di San Marco Evangelista - XVIII secolo
Chiesa di San Pietro in Cattedra - XVIII secolo

Ville:
Villa Maffei (Sigurtà) - XVII secolo: villa veneta costruita nel 1690, che divenne nel 1859 il quartier generale dell'imperatore austriaco Francesco Giuseppe.
Il Parco Giardino Sigurtà della villa occupa una superficie di 50 ettari, su un circuito di sette km a fianco del Mincio.
Villa Portalupi - XVII secolo
Palazzo Guarienti (Casa del Patriota) - XVII secolo

Fortificazioni:
Castello scaligero - XIII secolo
Ponte visconteo - XIV secolo. Diga fortificata in località Borghetto.
Resti della grande Torre campanaria Scaligera - XIV secolo. Nei pressi della Chiesa parrocchiale si possono vedere i resti della torre scaligera (poi diventata campanaria) nata come parte della linea di fortificazioni detta Serraglio che univa Valeggio con Villafranca e poi Nogarole Rocca. La torre è crollata improvvisamente il 21 gennaio 1977, senza provocare alcuna vittima ma seppellendo sotto le macerie alcune auto in sosta.

Borghetto:
Frazione di Valeggio che sorge ai piedi del Ponte visconteo, è una località turistica. Oltre al ponte visconteo a Borghetto sono presenti i caratteristici edifici con mulini ad acqua, alcune ruote dei quali sono state rimesse in funzione, ed la chiesa dedicata a San Marco Evangelista.

Il borgo ha conosciuto a partire dagli anni novanta del XX secolo un'intensa opera di restauro che ha riqualificato le case a cavallo del Mincio le quali sono state tramutate in locali pubblici.
Nelle vicinanze del ponte di legno sul Mincio sono state girate alcune scene del film Senso (1954) di Luchino Visconti.

Nei pressi del centro abitato sorgeva la stazione della ferrovia Mantova-Peschiera.
Presso Borghetto, parte della sede di questa linea è stata rempiegata per la pista ciclabile che collega Mantova a Peschiera del Garda costeggiando il Mincio per lunghi tratti.
A Borghetto è nata la nota cantante Ivana Spagna. Qui ha trascorso la sua infanzia.

Si consigli agli utenti di mantenere un tono conforme alle regole del buon senso.